Un Dante indipendente e multiforme

Dante è talmente complesso che può essere letto a tutte le età (possibilmente dopo la scuola). A ogni lettura ci offre delle visioni diverse, perché la Divina Commedia è una miniera di immagini…
Così ho voluto fare anche io la mia versione che sta fra l’illustrazione, il fumetto e il cinema.
Leggendo Dante, negli ultimi 20 anni, ho avuto almeno tre fasi illustrative. La drammatica per prima: tutti i disegni erano disperazione pura. Poi nella seconda lettura è nato piano piano un Dante bambino, spaesato ed impaurito che mi ha fatto sorgere disegni più comici sdrammatizzando pure l’Inferno.
Così ho mescolato le due sostanze, il dramma e la commedia, lasciato alcuni mostri della prima fase riambientati in un’atmosfera dissacrante e più leggera, da fumetto, e dato libertà alle visioni che si liberavano del peso della tragedia. Come dice Calvino nelle sue lezioni americane, la sfida è far coesistere la leggerezza con la pesantezza.
Alla terza e quarta lettura, dove necessario, ho aggiunto delle viste che avevo saltato e che legano cinematograficamente le scene con campi e controcampi, cercando di avvolgere lo spazio molteplice del viaggio dantesco.
Il risultato è un Dante Indie (indipendente), non canonico, non ingessato, che vorrebbe arrivare a lettori di tutte le età (certo a partire dai 10 anni per la complessità dei temi trattati) e farci riflettere sulla nostra condizione umana come solo il grande poeta riesce a fare.

204 pagine 

“parlare è sempre essere in cammino”
Osip Mandel’štam  (Conversazione su Dante)

Un meccanismo ad orologeria

Nella Divina Commedia ci sono:

  • 3+4+5 = 12 rime in “DIO
    3 volte nell’Inferno (III,122-IV,38-XII,119)
    4 volte nel Purgatorio (VII,5- XI,88-XXVII,24-XXXII,59)
    5 volte nel Paradiso (VIII,90-X,56-XXIV,130- XXVI,56-XVIII,128)
  • 12 rime in “Cristo” (Par. XII,71-73-75; XIV,104-106-108; XIX, 104-106-108;XXXII,83-85-87),
  • 12 rime in “stelle” (Inf.I,38-III,23-XVI-83-XX,50-XXXIV,139—Pur.I,23-VIII,91-XXVII,89- XXXI,106-XXXIII,145—Par.IV,23-XXXIII,145)
  • 12 rime in “riso” (Inf. V,133— Pur.IV,122-XXVIII,146-XXXII,5—Par.VII,17-X,103-XV,34-XVII,36-XXIII,59- XXVII,4-XXX,26-XXXI,50)
  • 12 rime in “intelletto” (Inf. II,19-III,18-XV,28— Pur. VI,45-XVIII,55-XXII,129-XXV,65-XXVIII,81-XXXIII,73—Par.II,109-XV,45- XXVII,108)

515 è un numero specchio, con l’1 che fa da specchio a due 5, come Dante che si specchia in uno dei tre principi della trinità alla fine della Commedia e vede se stesso: allora Dante si india, diventa Dio mentre Dio diventa uomo, microcosmo e macrocosmo

515 e 666: il bene e il male?

profezia di Virgilio (Inferno I, vv. 100-102)
Molti son li animali a cui s’ammoglia, 
e più saranno ancora, infin che ’l veltro
verrà, che la farà morir con doglia


666 versi


profezia di Ciacco (Inferno VI, vv.63-66)
Dopo lunga tencione
verranno al sangue, e la parte selvaggia
caccerà l’altra con molta offensione


515 versi


profezia di Farinata (Inferno XI, vv. 79-81)
Ma non cinquanta volte fia raccesa
la faccia de la donna (la luna) che qui regge,
che tu saprai quanto quell’arte pesa.


666 versi


profezia di Brunetto Latini (Inferno XVI, vv. 70-72)
La tua fortuna tanto onor ti serba,
che l’una parte e l’altra avranno fame
di te; ma lungi fia dal becco l’erba.


 

Disegni preparatori

Guardaci ben! Ben son, ben son Beatrice! Come degnasti d’accedere al monte? Non sapei tu che qui è l’uom felice?

Dante e la Divina Commedia illustrata in graphic novel…. unendo i linguaggi di illustrazionefumetto e cinema ho tirato fuori la mia versione della Divina Commedia un po’, comica un po’ tragica…

Maria Soresina su Dante Cataro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.