I tarocchi di Jodorowsky

Il grande creatore di fumetti e libri e studi di psicomagia e psicogenealogia (come le chiama lui), ha curato una riedizione dei tarocchi di Marsiglia

Omero

Due sono le porte dei sogni, immagini senza vigore: una è fatta di corno, l’altra di avorio. Quelli che vengono attraverso l’avorio intagliato, sono ingannevoli e portano parole ineffettuali; quelli che vengono attraverso il corno ben levigato, realizzano il vero, quando qualcuno dei mortali li veda

La riduzione dell’universo ad un solo essere, la dilatazione d’un solo essere fino a Dio: ecco l’amore.

«Morire non è nulla; non vivere è spaventoso.» Non vado lontano e vi vedrò di là: basterà che guardiate, quando farà buio, e mi vedrete. (diventare una stella). Amatevi tanto, sempre; al mondo non v’è nulla, all’infuori dell’amore reciproco. Nell’ombra, certo, stava ritto qualche angelo immenso, colle ali spiegate, ad attendere l’anima. Tutto proviene dalla … Continued

quanti sogni in pixel

Atic Atac (1983) Avalon (1984) Sabre Wulf (1984) Underwurlde (1984) Knight Lore (1984) Pentagram (1986) quanti sogni in pixel mi hanno fatto fare!

Del tempo e dell’infinito

La musica, il gioco, i sogni, il mare e il cielo… sono pezzi d’infinito, fermano il tempo ordinario per entrare in quello straordinario dove l’anima si vede e si riconosce. Il tempo ordinario invece ci ottunde, ci fa perdere, non risveglia la meraviglia dell’esserci.

Stavo proprio sognando te

dice l’angelo sonnanbulo che assomiglia a mio nonno e urtato sulla scala del cielo, si sveglia. Jonathan Safran Foer

Page 1 of 2
1 2