12 agosto 1969

22 giorni dopo l’allunaggio…

0
FUORI DELLA MAPPA
12:30 uscita di piedi

Dopo aver ascoltato le gioie e i dolori della vita proposta dall’angelo alle anime riunite, e assistito al silenzio imbarazzato che ne segue, decido di sceglierla, questa è la mia! faccio un passo avanti pensando “io” e in un’infinita caduta nel mio futuro orgoglio, nella via fantastica e disillusa che mi aspetta, rinasco alle 12 e 30 il 12 agosto 1969 – mago – eremita – innamorato – eremita, a Rimini vicino al mare in una via che ha il nome di mio padre Alessandro Serpieri (suo antenato). Poco dopo che il primo uomo lasciava la sua impronta storica sulla luna in televisioni in bianco e nero, io – Marco insieme al gemello Nicola (venuto da un altro volere) nella pancia tonda di mia madre Anna, matto come lo zero tondo che precede tutto, mi appresto ad atterrare sulla terra nel sol leone di un mezzogiorno e mezzo di fuoco, spaccando l’anno e il giorno e l’ora in due metà perfette come noi due gemelli astronauti delle stelle… quindi con una tripla capriola 9 – 6 – 9 mi rigiro insieme al mio doppio viaggiatore che per primo si tuffa di testa, e per uscire via come su uno scivolo, di piedi ad acchiappare la luce e il benefico ossigeno terrestre… per un attimo che mi pare una nuova eternità mi incastro con un braccio con la sensazione di stare con la testa sott’acqua e il corpo in aria, ma poi la vita che ho scelto mi reclama ed esco a riveder la stella. Molti anni dopo in un marciapiede di Milano avrò un revival stranissimo della mia nascita difficoltosa riprovando esattamente quel senso di soffocamento che mi blocca e poi finalmente lo sbocco alla vita, è stato come nascere due volte in questa vita, ricollocarsi nel mondo per la seconda volta.

> Marco Polo

Tag:, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.